ALZARE LO SGUARDO PER NON INCIAMPARE

Questa sera in Consiglio di Municipio ho presentato una mozione un po’ tecnica, ma che restituisce la fotografia di quello che, a mio modo di vedere, sta accedendo in questa consigliatura: una totale assenza di programmazione e di individuazione di un quadro chiaro di priorità, indispensabile per ottenere finanziamenti e per spendere al meglio le risorse a nostra disposizione.

Senza una visione d’insieme degli indirizzi politici da attuare nel nostro territorio, con la definizione di criteri per le scelte da fare nei vari settori di competenza del Municipio 9, le richieste, pur legittime, inoltrate al Comune hanno meno efficacia.

Ad oggi purtroppo non abbiamo avuto la possibilità di discutere in aula del documento programmatico strategico e del documento programmatico e previsionale annuale, seppure questi siano previsti dal regolamento dei Municipi. Non è una richiesta fine a sé stessa, perché sono questi gli unici atti di cui disponiamo per poi muovere le nostre richieste economiche verso l’amministrazione centrale, o per inserire interventi che si ritengono strategici nel Piano triennale delle opere.

Perché i cestini sono importantissimi (e, ahimé, nonostante le promesse elettorali del Presidente del Municipio, che li aveva individuati come la priorità assoluta, sono ancora spesso pieni di rifiuti casalinghi), ma bisogna anche occuparsi delle grandi questioni presenti sul nostro territorio: dai problemi dell’edilizia residenziale pubblica alle grandi questioni urbanistiche, dalla promozione della partecipazione dei cittadini ai problemi delle nostre strutture scolastiche, passando per la cultura, lo sport, le politiche sociali, il commercio.

Ecco il testo della mozione: mozione_documento_programmatico_10_2016.

Speriamo ci diano la possibilità di discuterla.

Perché a furia di guardare solo la punta dei propri piedi senza alzare un po’ lo sguardo, si rischia di inciampare.