Niguarda ieri, oggi, domani

Niguarda, come altri quartieri della Zona 9, un tempo era un piccolo grande borgo, con alle spalle una storia fatta di persone che si sono messe a disposizione della loro comunità. Il Comitato di Quartiere, nato da qualche mese, ha organizzato una preziosa giornata di festa insieme a molte realtà. Non solo. Ci consegna un libro bianco, che va studiato e approfondito nei contenuti, che per me ha già raggiunto l’obiettivo di continuare a tendere quel filo rosso rappresentato dalla storia di quei uomini e quelle donne che “fecero” Niguarda. Proposte concrete, costruttive, con una visione chiara e un grande affetto per il quartiere che traspare riga dopo riga. Proposte con cui chi amministra ha il dovere di confrontarsi. E la consapevolezza, per chi come me sta in Consiglio di Zona, che il processo che sta portando finalmente alla costituzione delle Municipalità debba e possa essere l’occasione per avvicinare queste esperienze alle istituzioni, accorciando le distanze fra i luoghi in cui si prendono le decisioni e gli spazi in cui prendono vita. Per continuare a dare dignità alla storia ed al futuro di quartieri come questo e, forse, per restituire anche un po’ di credibilità alla politica.